Disposizioni generali per l'organizzazione di un tirocinio extracurricolare

 

I laureati dell'Università della Valle d'Aosta hanno la possibilità di attivare tirocini entro i 12 mesi dal conseguimento del titolo.

La durata massima prevista per tali tirocini è pari a 6 mesi, eventuali proroghe comprese. I periodi di sospensione non sono da considerarsi ai fini del raggiungimento del limite di durata.

 

Possono ospitare tirocinanti tutti i soggetti, pubblici e privati, che:

  • abbiano regolarmente e preventivamente attuato le disposizioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro (D. Lgs. 81/2008) ed in materia di collocamento obbligatorio (L. 68/99):
  • non abbiano effettuato licenziamenti, ad esclusione dei soli licenziamenti per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, nei 12 mesi precedenti l'attivazione del tirocinio;
  • non abbiano in atto procedure di cassa integrazione straordinaria o in deroga per attività ritenute equivalenti a quelle previste per lo svolgimento del tirocinio, nella medesima unità operativa.
  • Si precisa che il soggetto ospitante non può utilizzare il tirocinante per attività che non siano compatibili con gli obiettivi formativi del tirocinio, né per sostituire lavoratori con contratti a termine nei periodi di maggiore produzione, o nei periodi di malattia, maternità o ferie, né per ricoprire ruoli necessari all'organizzazione aziendale del soggetto ospitante.

N.B.: un tirocinante potrà svolgere un solo tirocinio con lo stesso soggetto ospitante.

 

Limiti numerici

Il numero di tirocini attivabili contemporaneamente da uno stesso soggetto ospitante dipende dal numero di lavoratori dipendenti a tempo indeterminato presenti in azienda:

  • sino a 5 dipendenti a tempo indeterminato: 1 tirocinio;
  • dipendenti a tempo indeterminato compresi tra 6 e 20: 2 tirocini;
  • dipendenti a tempo indeterminato superiori a 21: tirocini attivabili in misura non superiore al 10 % dei dipendenti, con arrotondamento all'unità superiore.

Sono comunque esclusi da tali limiti i tirocini attivati in favore di disabili, persone svantaggiate e richiedenti asilo politico o titolari di protezione internazionale.

 

Attenzione!

La regolamentazione dei tirocini extracurricolari è di competenza regionale: ogni Regione ha adottato una propria disciplina relativa alll'attivazione e allo svolgimento dei tirocini formativi e di orientamento. I laureati sono, pertanto, tenuti a verificare le disposizioni vigenti nella regione in cui si trova l'ente/azienda presso cui intendono svolgere il tirocinio.

La Regione Autonoma Valle d'Aosta ha recepito le linee guida nazionali adottando, con DGR n. 2190 del 31 dicembre 2013, modificata con DGR n. 1496 del 23 ottobre 2015, la "Disciplina in materia di tirocini", in confomità all'Accordo Governo, Regioni e Province autonome del 24 gennaio 2013.