Laurea in Scienze e tecniche psicologiche

 
Fatto salvo il fatto che le competenze psicologiche acquisibili con un percorso di laurea triennale appaiono assolutamente insufficienti ai fini dell'esercizio clinico della professione di psicologo e che le suddette competenze appaiono più consone ad un percorso formativo almeno a livello di laurea magistrale, il laureato in Scienze e tecniche psicologiche potrà avere funzioni di collaboratore negli ambiti:
  • dei servizi: sociali, assistenziali, di cooperazione, terzo settore;
  • delle organizzazioni: scolastiche, per lo sviluppo del territorio e dell'occupazione, pubbliche e private per la produzione di beni e servizi, senza scopo di lucro, forze armate, sistema carcerario, confessionali e religiose;
  • dell' intervento psicologico rivolto alla promozione della salute individuale e comunitaria, sotto la diretta responsabilità di figure professionali formate specialisticamente in ambito clinico.

Il laureato può accedere all'esame di Stato per l'iscrizione alla Sezione B dell'Albo Professionale degli Psicologi. Potrà svolgere attività professionali in diversi contesti organizzativi e di ricerca, con funzione di assistenza e di promozione della salute e del benessere. In collaborazione con lo psicologo magistrale potrà operare nel contesto scolastico a supporto dell'inserimento di alunni disabili oppure affiancando fisioterapisti e logopedisti.

 

Il corso prepara alla professione di (codifiche ISTAT):

Specialisti in risorse umane - (2.5.1.3.1)

Tecnici del reinserimento e dell'integrazione sociale - (3.4.5.2.0)